0

15 Dicembre 2021

Riccardo Bertoldi, lo scrittore che racconta l' amore

Ho conosciuto Riccardo Bertoldi in modo del tutto causale, mi è comparsa la sua pagina Facebook mentre cercavo "l'amore".

Ricerco l'amore per lavoro, per rispondere ai dubbi che le donne hanno o ai problemi con i quali ogni giorno sentono dentro di combattere.

Di Riccardo Bertoldi mi ha subito colpito la sua estrema sensibilità.

Attribuiamo erroneamente questa qualità solo alle donne, invece, esistono uomini, come Riccardo, che sanno toccare le corde del cuore e parlare con profonda empatia a quel dolore silenzioso.

E poi, il suo modo di rispondere a chi commentava seppur avendo migliaia di follower, la sua estrema umiltà e il suo essere vicino a chi dedica del tempo a leggere i suoi post, oltre che a commentarli, mi ha fatto capire che era uno scrittore che sa stare tra la gente.

Mi sono subito comprata il suo libro "Scrivimi (magari ti amo ancora).

Non sono una persona che legge romanzi soprattutto d'amore.

Eppure, Riccardo Bertoldi mi aveva conquistata.

Con coraggio gli ho inviato un messaggio per chiedergli un'intervista. Ci speravo poco. Perché un autore celebre dovrebbe concedere un'intervista a Emotionsophia?

Con grande sorpresa mi ha risposto, ci siamo sentiti e abbiamo organizzato l'intervista.

Ero al settimo cielo.

Riccardo Bertoldi

Riccardo Bertoldi è davvero un ragazzo semplice e un uomo, come comunemente si dice, "d'altri tempi", di quelli che hanno la gentilezza e il rispetto radicati dentro di sé.

Ha 31 anni e è nato a Rovereto.

Ha frequentato il liceo scientifico Galileo Galilei per poi laurearsi, invece, in Lettere presso l’università di Trento.

Successivamente ha frequentato Il corso per redattori editoriali di Lindau Edizioni, a Torino, e ha lavorato circa quattro anni come editore presso New-Book Edizioni, casa editrice del nostro Alessandro Benedetti.

Nel frattempo ha pubblicato tre romanzi, tutti bestseller, per la casa editrice Rizzoli, con cui ha all’attivo 100.000 copie vendute.

Grazie a questa esperienza, che ha portato con sé l’esigenza di promuoversi e comunicare nel modo migliore. Si è avvicinato al Social Media Marketing, e ha aperto i suoi profili Facebook e Instagram, dove oggi è seguito da più di mezzo milione di persone.

Quando ha provato sulla propria pelle come questi strumenti, gestiti in modo attento, competente e costante possano portare valore di business, ha decido di aprire l’agenzia di comunicazione People Like Us, nella quale lavora come copywriter e come referente commerciale. É affiancato da professionisti laureati rispettivamente in Cinematografia e marketing per le aziende.

Attualmente, oltre a portare avanti questo progetto, sta lavorando al suo nuovo romanzo (uscita febbraio 2022) e alla stesura di un Podcast in ambito musicale, in collaborazione con la cantante italiana, che uscirà nel 2023 e dal quale verranno tratti il suo quinto romanzo e una serie TV.

È fidanzato con Fatima, compagna e collega, con cui convive da alcuni anni.

Nel tempo libero ama coltivare i suoi rapporti personali, viaggiare (soprattutto in camper) ed è grande tifoso del Milan, di cui non si perde una partita.

Chi è Riccardo Bertoldi?

Solo un ragazzo normale…

Il tuo modo di scrivere molto empatico denota una forte sensibilità. È una tua dote innata oppure è qualcosa che hai affinato nel tempo?

È qualcosa che mi appartiene da tutta la vita.

Ho sempre avuto una sensibilità molto accentuata per essere un uomo, e questo qualche volta è stato anche motivo di scherno (sempre con il sorriso sulle labbra) da parte dei miei amici. Non so se questa sensibilità sia un dono oppure una condanna, però non farei a cambio.

Quali erano i tuoi sogni da bambino?

A sei anni volevo fare l’autista delle corriere oppure il falegname. A quindici anni ho iniziato a coltivare il sogno di pubblicare un romanzo e nel tempo è diventato il grande desiderio della mia vita. Non avrei mai creduto di raggiungerlo. Soprattutto non avrei mai creduto a tutto quello che è successo in questi anni…

C'è stato un momento significativo nella tua vita in cui hai sofferto tanto da sentire che qualcosa dentro di te era cambiato? Ti va di raccontarlo?

Sicuramente durante la malattia di papà. Quando gli è stato diagnosticato il cancro ho dovuto dirglielo io, ed è stato un momento bruttissimo.

Dire a una persona “hai il cancro” è come dirgli “devi morire”.

Non dimenticherò mai come lui si è aggrappato alla sedia e come ho dovuto tirare su mamma che invece era caduta sulle ginocchia per la disperazione.

Gli anni della sua malattia mi hanno fatto portare dietro tantissimi insegnamenti per il mio futuro e hanno cambiato anche il mio modo di guardare alla vita.

Il mio primo romanzo, "Resti?" infatti parla soprattutto dell’importanza del tempo.

Riccardo Bertoldi

I tuoi romanzi sono pieni d'amore, di un amore per nulla fiabesco ma vero. Cosa significa per te amare?

Sono appena tornato da Parigi con la mia fidanzata, e per rispondere a questa domanda voglio raccontarti qualcosa che ho pensato lì.

Ad un certo punto ci siamo trovati davanti al muro dei Ti amo di Montmartre. Lei ha voluto chiedere ad una coppia di farci una foto. Io non volevo perché di fronte alla fotocamera mi sento a disagio, e se c'è qualcuno che guarda anche di più.

Però, alla fine, ho ceduto.

So che lei ci teneva tanto e vedere quel sorriso per merito mio, è ciò che mi tiene in vita tutti i giorni.

Più tardi ci siamo fermati sulle poltroncine di Sturbucks di fronte al Mouline Rouge.
Ho lasciato il posto con vista a lei, io invece mi sono seduto di fronte e vedevo solo i suoi occhi, e avrei voluto dirle che che la vista in fondo ce l'avevo io.

Poco più tardi, invece, ci siamo fermati a bere il caffè, lei era in bagno, un caffè era più lungo dell'altro. Io amo il caffè lungo, ma so che lo ama anche lei, così non ho detto niente e ho bevuto quello corto.
Mentre lo facevo ho sorriso fra me e me, perché ho pensato che l'amore è proprio questo

L'amore è:

  • fare una foto controvoglia;
  • lasciare a chi ami la vista più bella;
  • accontentarsi di un caffè corto se sai che lei ama quello lungo.

Perché queste piccole attenzioni fanno la differenza: riempirle il bicchiere d'acqua, aprirle la porta dell'auto, portarle la valigia solo per farle guardare Parigi con leggerezza.

La leggerezza salva la vita.

Com'è nato il tuo ultimo romanzo “Scrivimi. Magari ti amo ancora”?

Avevo voglia di parlare dal punto di vista di una donna. Era una sfida, per me. Sicuramente difficile ma anche molto stimolante. È un romanzo multimediale, ricco di canzoni e di video. Potrebbe essere definito come il primo video romanzo della storia. E ne sono davvero orgoglioso.

Riccardo, mi piacerebbe conoscere la tua missione di vita e quanto è in linea con i messaggi molto forti e con le parole che utilizzi per raccontare empaticamente quello che le donne vivono.

La mia missione di vita è solo quella di vivere una vita serena, con la persona che ho accanto, e riuscire ad avere la libertà di viaggiare più che posso.

La missione dei miei libri, invece, è molto semplice. Essere utile.

Mi piacerebbe che i lettori riuscissero a trarre dalle mie parole qualcosa da portarsi nella vita di tutti i giorni: una carezza, un po’ di coraggio, il desiderio di farcela.

Riccardo Bertoldi

Quali sono i tuoi progetti nel medio e lungo termine?

A febbraio uscirà il mio nuovo romanzo “Mi prometto il mare (ricomincio da me)”, poi ho in mente altri due progetti con Rizzoli (un romanzo e un libro che invece sarà tutt’altro). Durante l’anno prossimo, inoltre, verranno registrati gli audiolibri di “Resti?” e “Scrivimi, magari ti amo ancora”.

Infine, mi occuperò della stesura di un podcast.

A una donna che vive situazioni di dipendenza dal marito sia è emotiva che economica, che vivono con tanti sensi di colpa e poco amore verso se stesse o a donne che invece continuano avere paura di denunciare violenze psicologiche cosa le diresti?

Direi che questo non può essere il compromesso della loro vita.

Dove seguire Riccardo Bertoldi

Ecco i suoi link:

https://emotionsophia.it/storie-di-cambiamento/riccardo-bertoldi-lo-scrittore-che-racconta-l-amore/Riccardo Bertoldi, lo scrittore che racconta l' amore
  • Condividi:

0 Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Mi chiamo Vanessa Pellegrino, con Emotionsophia aiuto le donne e le mamme a riconnettersi con la parte più profonda di sé recuperando il proprio potere personale.

Cerca

Categorie

Emotionsophia

Mi chiamo Vanessa Pellegrino, con Emotionsophia aiuto le donne e le mamme a riconnettersi con la parte più profonda di sé recuperando il proprio potere personale.
© 2020 Vanessa Pellegrino, Emotionsophia | P.IVA 03307740732 | Privacy Policy | Termini e Condizioni | Brand & Web Design Miel Café Design
usercartcrossmenuchevron-down